CORONAVIRUS - Comune di Camparada

archivio notizie - Comune di Camparada

CORONAVIRUS

 

COSA FARE IN CASO DI SINTOMI:
Coloro che riscontrano sintomi influenzali o problemi respiratori non devono andare in pronto soccorso, ma devono chiamare il numero unico per la Lombardia 800 89 45 45 che valuterà ogni singola situazione e spiegherà che cosa fare.
Per informazioni generali chiamare il 1500, il numero di pubblica utilità attivato dal Ministero della Salute.

 

🔴AGGIORNAMENTI CORONAVIRUS COVID 19🔴

30 marzo 2020

Videomessaggio del Sindaco Mariangela Beretta.

 

28 marzo 2020

Videomessaggio del Sindaco sulla situazione a Camparada

 

26 marzo 2020

Scaricabile negli allegati il modulo di autocertificazione per gli spostamenti aggiornato.

 

23 marzo 2020 

Comunicato del Sindaco (VIDEO)

 

22 marzo 2020

Nuova ordinanza del Presidente della Regione Lombardia e nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri firmati in data 22 marzo 2020 con il relativo allegato scaricabili.

 

21 marzo 2020

Ordinanza Regione Lombardia del 21/03/2020
L'ordinanza è in vigore dal 22 marzo fino al 15 aprile ed è stata condivisa con i sindaci dei capoluoghi della Lombardia, ANCI Lombardia, UPL e con il Tavolo del Patto per lo Sviluppo.

Ecco un breve riassunto:
-  divieto di assembramento di più di due persone nei luoghi pubblici e sanzioni in caso di non rispetto fino a 5 mila euro;
- monitoraggio clinico degli operatori sanitari prima dell’inizio del turno di lavoro;
- sospensione dell'attività degli uffici pubblici e dei soggetti privati che svolgono attività amministrative, fatta salva l'erogazione dei servizi essenziali e di pubblica utilità;
- sospensione delle attività artigianali non legate alle emergenze o alle filiere essenziali;
- sospensione di tutti i mercati settimanali scoperti;
- sospensione delle attività inerenti ai servizi alla persona;
- chiusura delle attività degli studi professionali salvo quelle relative ai servizi indifferibili e urgenti o sottoposti a termini di scadenza;
- chiusura di tutte le strutture ricettive ad esclusione di quelle legate alla gestione dell'emergenza. Gli ospiti già presenti dovranno lasciare le strutture entro le 72 ore successive all'entrata in vigore dell'ordinanza;
- fermo delle attività nei cantieri edili, esclusi quelli per le ristrutturazioni sanitarie, ospedaliere ed emergenziali, oltre a quelli stradali, autostradali e ferroviari;
- chiusura dei distributori automatici cosiddetti 'h24' che distribuiscono bevande e alimenti confezionati;
- divieto di praticare sport e attività motorie svolte all'aperto, anche singolarmente, se non nei pressi delle proprie abitazioni.
- sono sospesi i servizi educativi per l’infanzia di cui all’articolo 2 del decreto legislativo 13 aprile 2017, n. 65, e le attività didattiche in presenza nelle scuole di ogni ordine e grado, nonché della frequenza delle attività scolastiche e di formazione superiore. E’ consentita in ogni caso la possibilità di svolgimento di attività formative a distanza.
- non è consentito lo spostamento verso abitazioni diverse da quella principale, comprese le seconde case utilizzate per vacanza.
- è vietato l’accesso del pubblico ai parchi, alle ville, alle aree gioco ed ai giardini pubblici.

Restano aperte le edicole, le farmacie, le parafarmacie, ma deve essere in ogni caso garantita la distanza di sicurezza di un metro.

Si raccomanda di provvedere a rilevare la temperatura corporea dei dipendenti e dei clienti di supermercati, farmacie, luoghi di lavoro e a tutti coloro che vengono intercettati dalle Forze dell’Ordine.

 

20 marzo 2020

Ordinanza ministero della salute del 20/03/2020
dal 21 al 25 marzo:
1) è vietato l’accesso al pubblico ai parchi, alle aree giochi e ai giardini pubblici;
2) non è consentito svolgere attività ludica e ricreativa all’aperto;
3) è consentito svolgere attività motoria in prossimità della propria abitazione, purché nel rispetto della distanza di almeno un metro da ogni altra persona;
4) nei giorni festivi e prefestivi, nonché nei giorni che precedono e seguono tali giorni, è vietato ogni spostamento verso abitazioni diverse da quella principale.

 

12 marzo 2020

In allegato il Decreto firmato dal Presidente del Consiglio dei Ministri in data 11 marzo 2020 con misure ancora più restrittive per tutto il territorio nazionale.

 

10 marzo 2020

In seguito al Decreto di ieri, 9 marzo 2020, sono state estese a tutto il territorio nazionale le misure già in atto nel nostro territorio.

Per il nostro Comune e l'intera Regione Lombardia l'unico cambiamento riguarda le attività sportive: sono unicamente consentiti gli allenamenti dei soli atleti riconosciuti di interesse nazionale dal CONI e dalle federazioni sportive, e si potranno svolgere negli impianti a porte chiuse i soli eventi sportivi internazionali.

 

9 marzo 2020

Viste le nuove disposizioni introdotte dal DPCM firmato l'8 marzo 2020 i comuni dell'Unione hanno predisposto un volantino informativo per chiarire alcuni dubbi scaricabile in allegato.

 

8 marzo 2020

Firmato il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri con nuove disposizioni più restrittive per la Lombardia e altre province.

 

5 marzo 2020

Firmato il DPCM del  4 marzo 2020 con le misure urgenti in materia di contenimento e gestione dell’emergenza epidemiologica da COVID-19.
Scuole di ogni ordine e grado e nidi chiusi fino al 15 marzo.
Sono valide tutte le restrizioni presenti nel DPCM del 1 marzo.

 

4 marzo 2020

Chiarimenti e spiegazioni in merito al DPCM (file video)

 

3 marzo 2020

Scaricabili in allegato i chiarimenti relativi alle attività sportive.

 

2 marzo 2020

Emanato il nuovo Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri del 1 marzo 2020

 

28 febbraio 2020

A seguito delle precisazioni riguardanti le ordinanze valide sul territorio regionale si specifica che:

  • a partire da lunedì 2 marzo il mercato settimanale si terrà regolarmente
  • per le associazioni sportive è possibile lo svolgimento di gare, eventi sportivi e sedute di allenamento, a patto che queste attività siano svolte in impianti sportivi a porte chiuse
  • bar, pub e locali che prevedono la somministrazione assistita di cibo e bevande non sono soggetti a restrizioni orarie, ma,come per i ristoranti, devono rispettare la capienza massima dei coperti del locale

Per ulteriori informazioni invitiamo a visitare la sezione FAQ del sito di regione lombard

 

23 febbraio 2020

CHIUSURA DELLE SCUOLE E DEI LUOGHI DI AGGREGAZIONE

Regione Lombardia, in relazione all’evolversi della diffusione del Coronavirus, ha predisposto un'ordinanza, firmata dal presidente Attilio Fontana di concerto con il ministro della salute Roberto Speranza, valida per tutto il territorio lombardo.

 

MOBILITA'

E' necessario ridurre al minimo gli spostamenti, prendendo tutte le precauzioni necessarie a limitare il diffondersi del contagio. Sono consentiti solo gli spostamenti per comprovate esigenze lavorative, situazioni di necessità (spesa, farmacia e beni essenziali), motivi di salute e rientro presso il proprio domicilio, abitazione o residenza.

Ove risulti necessario spostarsi dalla propria abitazione per una di queste motivazioni occorre portare con sè un'autocertificazione che è possibile scaricare in allegato; per chi non ha la possibilità di stampare è possibile ritirare l'autocertificazione all'esterno del comando di polizia locale, via Donna Rosa 17/19.


Pubblicato il 
Aggiornato il 
Risultato (103 valutazioni)